Mini boccetto da profumo con tappo a punta

12,00

Mini boccetto da profumo con tappo a punta.

Dimensioni: 3 x 3 x 10 cm

Esaurito

COD: Vet0024 Categoria: Tag: , ,

Il pregio dell’invenzione dei primi contenitori e boccette porta profumo spetta quasi sicuramente agli Egiziani con l’Alabastron, piccolo vaso di alabastro che conservava al fresco e al buio i preziosi oli profumati. La forma caratteristica a goccia con larga imboccatura a colletto svasato, ebbe una diffusione immensa e fu riprodotto dapprima in terracotta e poi in vetro con stili diversi a seconda delle mode che di volta in volta presero piede nell’ambito delle diverse civiltà mediterranee.

Famosi per le stupende lavorazioni in vetro, a partire dal I secolo a.C i Romani optarono per l’uso del vetro data la sua leggerezza e preziosità: gli unguentarium.  Addirittura, già veniva utilizzata la tecnica del soffiaggio con la quale crearono le prime ampolle di vetro per conservare il profumo.

A partire dal XVII secolo, l’utilizzo del profumo  diventa una necessità  e non più un accessorio, allo scopo  di coprire tutti gli sgradevoli odori.  Tutto era profumato: dai guanti ai fazzoletti, dalle cinture ai reggicalze. La fiorente industria del profumo, si stabilì definitivamente in Francia, seguita da quella della fabbricazione di contenitori di profumo. Le bottiglie di  profumo diventano veri e propri oggetti d’arte. I primi contenitori di profumo, venivano realizzati in stile Rococò,  in porcellana decorata con smalti  che rappresentavano soggetti come fiori, foglie e conchiglie .

Al giorno d’oggi, i designer continuano a dare vita a flaconi di ogni stile, forma e dimensione;  questo aprticolare oggetto ha mantenuto per secoli il vetro come materiale di produzione prediletto poiché esso non reagisce con gli oli profumati e non rischia quindi di cambiare l’odore di una fragranza.

Le bottiglie dei profumi riflettono lo stile dell’epoca in cui furono create. Molte di loro, e in particolare le più elaborate, sono diventate dei veri e propri oggetti da collezione.